close
E3E3 2020NEWS

Come l’industria sta reagendo all’annullamento del E3?

L’E3 2020 è cancellato. Ecco come risponde l’industria videoludica.

L’ESA ha resistito il più lungo possibile, ma alla fine è stato inevitabile: l’E3, lo spettacolo di videogiochi di più alto profilo in Nord America, è stato cancellato oggi a causa dell’emergenza sanitaria globale del coronavirus.

L’arresto è abbastanza grave di per sé, ma a peggiorare le cose, si presenta sulla scia di domande crescenti sulla pertinenza di E3 in un momento in cui Internet a banda larga ha permesso agli editori di videogiochi di raggiungere direttamente i loro clienti.

In effetti, l’analista di settore, Doug Creutz ha dichiarato al Wall Street Journal (tramite Sarah E. Needleman) che il coronavirus potrebbe rivelarsi una svolta esistenziale per l’E3: se gli editori sono in grado di raggiungere adeguatamente i propri fan direttamente attraverso presentazioni online, l’assenza dello spettacolo potrebbe finire per dimostrare che semplicemente non è più rilevante l’evento.

Gli editori rispondono:
Questo è ciò che molti grandi editori stanno cercando di fare. Quasi immediatamente dopo che l’E3 è stato ufficialmente cancellato, il capo della Microsoft di Xbox Phil Spencer ha scritto su Twitter per dire che si terrà un “evento digitale”.

Ubisoft non era così solida, ma ha detto che sta anche essa esaminando l’opzione dello streaming.

Electronic Arts, che tiene un evento stampa annuale EA Play all’E3, “ha continuato a seguire da vicino gli sviluppi del coronavirus in tutto il mondo”, ha dichiarato un rappresentante in una nota. “Chiaramente la situazione si sta evolvendo di giorno in giorno e stiamo rivedendo come cambierà i nostri piani per EA Play 2020. Condivideremo più presto”.

Devolver Digital, che la scorsa notte ha fatto rotolare la pallottola sull’annullamento dell’E3, è “sconvolta” per la cancellazione, ma ha ancora in programma di tenere un live streaming Devolver Direct nel 2020.

THQ Nordic ha avuto un approccio leggermente diverso. Non sono sicuro che questo compensi l’intera cosa di 8chan AMA, ma adoro questo meme.

Reazioni indie

Mentre i principali editori sembrano relativamente non turbati dalla cancellazione, la situazione è leggermente diversa nella scena indipendente.

“Mentre l’E3 è molto meno visitato dagli sviluppatori indipendenti di GDC, specialmente per gli sviluppatori internazionali, ciò significa ancora un’altra opportunità per presentazioni, incontri, annunci e opportunità”, ha twittato Rami Ismail dello Nuclear Throne studio Vlambeer. “Se questo andasse bene per l’E3 o per un chiodo nella bara, vedremo tra un anno.”

Mike Bithell dello sviluppatore John Wick Hex Bithell Games aveva pensieri simili:

Associazione internazionale degli sviluppatori di giochi

L’IGDA, che ha collaborato con Gamedev.world e Take This per contribuire ad alleviare l’impatto del coronavirus sugli sviluppatori, ha previsto che l’epidemia porterà in futuro una maggiore attenzione agli eventi online.

“L’annullamento di due dei più grandi eventi per gli sviluppatori di giochi per connettere e commercializzare i loro giochi influenzerà sicuramente le strategie di marketing per il 2020 e oltre. Credo che vedremo più annunci online pianificati da organizzazioni più grandi, mentre studi più piccoli si uniranno per supportarsi con i propri annunci “, ha dichiarato il direttore esecutivo Renee Gittens.

“L’IGDA sta lanciando un programma per promuovere il gioco e i lanci di raccolta fondi dei nostri membri per il nostro pubblico di oltre 100.000 sviluppatori e fan di giochi. Speriamo che programmi come questo aiuteranno ad attenuare il colpo dalla perdita di questi eventi.”

Gittens ha anche chiarito che la sua partnership con Gamedev.world “è per tutti gli sviluppatori interessati da COVID-19, non solo per GDC. L’IGDA sta prendendo in considerazione altri modi in cui possiamo servire gli sviluppatori interessati dalla chiusura dell’E3, ma non ha nulla di definitivo da annunciare in questo tempo.”

La fine dell’E3 come la conosciamo?

La perdita di E3 sarà inevitabilmente distruttiva, ma l’entità di tale interruzione dipenderà in gran parte da come gli editori sono in grado di gestirlo. Sulla base del precedente, potrebbe non essere un grosso ostacolo per le grandi aziende: la Sony ha saltato l’evento dello scorso anno senza alcun apparente effetto negativo e non si sarebbe presentato quest’anno, e Nintendo ha fatto affidamento sulle sue presentazioni Nintendo Direct piuttosto che eventi di stampa convenzionali E3 per anni.

Le interviste e le dimostrazioni pratiche ci mancheranno, ma ciò rappresenta anche un’opportunità per diffondere tali informazioni, piuttosto che lanciarle nelle nostre vene come una velocissima bolla di furia digitale.

Per gli studi più piccoli e i professionisti che speravano che eventi come GDC ed E3 avrebbero portato a nuove connessioni, offerte e pubblicità, l’effetto potrebbe essere molto maggiore.

Fonte: pcgamer

Tags : coronavirusDevolver Digitale3eaubisoftxbox

Leave a Response