close
Google StadiaNEWSPCPS4The Division 2UbisoftXbox One

The Division 2: annunciata la nuova espansione Warlords of New York

Non sembra mentire sull’attuale situazione di Ubisoft – specialmente con The Division 2, che indubbiamente non ha rispettato le aspettative che la casa francese aveva sul titolo – ma sembra possibile un rifacimento, grazie alla nuova espansione Warlords of New York.

Back in town

Correva il 2016 quando il tanto atteso Tom Clancy’s The Division approdò sul mercato. Il titolo era ambientato a New York City e – sebbene non fu un successo clamoroso – andò abbastanza bene. Con l’uscita del secondo capitolo l’anno scorso – tuttavia – sembrava che Ubisoft avesse fatto qualche mossa sbagliata.

Non si trattava del titolo in sé, che invece ottenne il favore della critica (su Metacritic il gioco ha media 84 per PS4 e Xbox One), ma più che altro per l’errore commesso nella struttura del gioco, forse troppo simile ad un servizio. Ubisoft sembra aver capito la lezione, e difatti la nuova espansione Warlords of New York sarà ambientata a New York, di preciso nella downtown (che era ancora inedita alla serie).

Nemici divisi

Il nemico principale che inseguiremo per tutto il DLC sarà Aaron Keener, detto Avanguardia, responsabile di un attacco biologico alla città. Lui è anche responsabile dell’attacco ai quartieri generali della divisione, che ha causato moltissime morti fra agenti e civili. È un ex-agente della divisione che, dopo essere stato lasciato a morire nella Zona Nera, si sta ribellando. È alla ricerca di vendettacaos che – secondo lui – è l’unico modo con cui l’umanità può prosperare.

Ha quindi messo in piedi una vera e propria equipe di ex-agenti pronti alla ribellione, che hanno preso il controllo ognuno di una zona della parte meridionale di New York City. La prima è Vivian Conley, ex-agente dell’intelligence antiterrorismo e ingegnere chimico, è a capo di Two Bridges, settore sud-orientale. Il settore, tuttavia, non prospera più come una volta a causa di un uragano che lo ha colpito.

Segue Javier Kajika, maestro di furtività e infiltrazioni nonché ex-sicario. Presiede Battery Park, settore nord-occidentale, oramai ridotto ad una palude. Il terreno è infatti frammentato e pieno di voragini con quella che un tempo era la metropolitana. Sia Conley che Kajika si fanno aiutare dai Purificatori, un’ex-unità di operatori sanitari della grande mela convinti che solo il fuoco possa fermare il virus. Sono stati loro a reclutare Conley, e il fatto ha notevolmente aumentato la loro potenza.

Aaron Keener.

Continuiamo con James Dragov, ex-agente di polizia ed esperto in armi pesanti e difesa. Detiene il Distretto Finanziario, a sud-ovest, centro del suo mercato nero e oramai pieno di fango. Chiude la cerchia Theo Parnell, progettista di droni e abile hacker. La sua posizione, tuttavia, è ignota a causa delle sue elevate abilità. Quello che sappiamo, invece, è che Keener si è alleato con i Rikers (come Dragov e Parnell) e che al momento si trova nel centro civico.

È cambiato molto nella grande mela dall’ultima volta: la reputazione della divisione è adesso piena di fango e gli unici che vivono nella città sono sopravvissuti. La divisione, guidata da Faye Lau, ha il suo quartier generale in una casa fatta da civili. Qui sotto, potete vedere una sessione di gameplay privo di spoiler.

Sì, e…

Oltre alla nuova campagna, l’aggiornamento porterà anche altre novità. La prima è l’aumento del livello massimo da 30 a 40; tuttavia, raggiunto il livello massimo, ci sarà una progressione infinita che permetterà comunque di sbloccare nuove armi e migliorare le statistiche dell’agente. Raggiunto il livello 30 ci si potrà fiondare subito nella nuova campagna, altrimenti per i nuovi giocatori si potrà scegliere se iniziare subito da New York (partendo dal livello 30 (in questo caso, finito il DLC, si giocherà alla campagna normalmente)) o da Washington D.C. (dal livello 1).

Sono state anche introdotte nuovi armi, un nuovo arsenalenuovi marchi nuovi set di equipaggiamento. Anche l’interfaccia vedrà delle modifiche, oltre al sistema con cui si guadagnano i bottini, che vedrà dei miglioramenti per evitare le lootbox. Ognuno dei quattro nemici – inoltre – avrà un’abilità specifica che battuto si otterrà. Esse sono le trappole stordenti, che stordiscono il nemico lanciate come bombe, le bombe adesive esplosive (che fanno il loro ritorno dal primo capitolo) e le bombe adesive incendiarie, che si “attaccano” al nemico. Chiudono gli ologrammi esca basati sull’eco, che si possono usare per attirare il fuoco nemico proiettando un proprio ologramma.

Anche le Zone Nere vedranno delle novità, come il premiare i giocatori non traditori. Ci saranno anche altre aggiunte, come la difficoltà Leggendaria e Invasione e le Direttive. Verranno anche introdotte le Stagioni, che vedranno ognuna nuovi bersagli, nuove ambientazioni (narrativamente parlando), nuovi eventi globali, l’introduzione delle leghe e nuove armi.

In uscita domani 19 febbraio sarà il terzo episodio (12 febbraio per i possessori del pass), che porrà le basi per il DLC con protagonista Aaron Keener. Warlords of New York, invece, uscirà il 3 marzo 2020; Tom Clancy’s The Division 2 è già disponibile su PS4, Xbox One, PC e arriverà su Stadia in futuro.

Tutto su The Division 2

Tags : +2datadidivisiongameplaynewofonepcplusprezzops4revealstadiasteamthetraileruplayuscitawarlandsxboxyork
fil8

The author Phil

Founder di gamesview.it, Phil è uno dei principali newser e recensore del sito. Ogni tanto, anche l’approfondimento videoludico entra nelle sue vene e scaturisce con articoli contenenti previsioni o opinioni.

Leave a Response